Seguici su

News

Russia provoca sul petrolio: gli Stati Uniti preparano la risposta

pompe petrolio

La Russia irride il mondo occidentale per la mancanza di una linea comune sul petrolio, ma gli USA preparano a rispondere.

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, avviata ormai quasi tre mesi fa (24 febbraio 2022). ha scosso l’opinione pubblica, e provocato le sanzioni del mondo occidentale. Eppure, ancora oggi l’Europa non ha raggiunto un’intesa sulle forniture di petrolio (e gas) per colpire il cuore dell’economia di Vladimir Putin.

L’assenza di una linea comune gioca a favore di Putin, le cui ultime dichiarazioni cercano di insinuare ulteriori dubbi tra i governi del Vecchio Continente. “L’Europa con l’embargo sul gas e petrolio russo si sta suicidando – ha dichiarato il presidente russo -. Diventerà la regione con i prezzi dell’energia più alti del mondo. Danno la colpa alla Russia per l’inflazione energetica, dicono che è tutta colpa della Russia, ma stanno solo cercando di coprire i loro errori. Gli europei ammettono di non poter ancora abbandonare del tutto le risorse energetiche russe e alcuni non potranno farlo per molto tempo”.

La proposta all’Unione europea

Stando a quanto sostiene La Stampa, la risposta potrebbe avvenire in maniera graduale. “Gli Stati Uniti hanno proposto all’Unione europea una soluzione diversa, seppur complementare alla riduzione graduale degli acquisti: l’introduzione di dazi sulle importazioni del greggio russo – scrive il quotidiano -. Janet Yellen ne ha discusso con Ursula von der Leyen durante un incontro a porte chiuse a Bruxelles. L’idea era già emersa durante le discussioni tra i 27 nelle scorse settimane, ma non aveva preso quota perché l’Ue non avrebbe la forza per imporre da sola una simile misura”. 

“Se i dazi fossero soltanto europei, la Russia potrebbe infatti dirottare altrove il suo petrolio, che via nave potenzialmente può raggiungere ogni parte del mondo – prosegue La Stampa . Una misura simile può funzionare solo se attuata da un cartello di compratori, scenario ventilato la scorsa settimana da Mario Draghi durante la visita alla Casa Bianca. Secondo gli USA questa strada si può percorrere, per questo hanno pensato bene di coinvolgere l’intero G7 e di estendere la proposta anche ad altri partner internazionali in modo da ottenere due obiettivi in un colpo solo: ridurre le entrate economiche di Mosca, ma senza creare distorsioni sul mercato globale del petrolio tali da far schizzare i prezzi al barile”.

Infine, La Stampa spiega: “Il meccanismo messo a punto dal Tesoro americano prevede di applicare un dazio sull’import di petrolio dalla Russia o comunque di fissare un tetto massimo al prezzo. Il valore del dazio andrebbe ben calibrato perché da un lato c’è la volontà di ridurre le entrate di Mosca, ma dall’altro bisogna evitare che questo si trasformi in un disincentivo all’export. Sostanzialmente bisognerà lasciare comunque un margine di guadagno, seppur inferiore rispetto a quello attuale“.


Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © - MM

Advertisement

Leggi Anche

Fabbrica Ferrari Fabbrica Ferrari
News3 ore ago

Ferrari: 2023 sulla strada segnata da un 2022 con record

La Ferrari viaggia su numeri record, il 2023 entra sulla riga sul 2022 cercando di superare le cifre già molto...

Alfa Romeo Tonale Alfa Romeo Tonale
News3 ore ago

Alfa Romeo, Tonale: cresce la produzione della vettura

Il brand dell’Alfa Romeo ha già oltre 35 mila ordini firmati per il nuovissimo crossover Tonale, che in tutto il...

FIAT 500 FIAT 500
News4 ore ago

Fiat 500: In Italia è la regina delle elettriche

La vettura elettrica del brand Fiat, ossia la 500 nel territorio Italiano è la più venduta a gennaio superando Twingo....

Volvo XC40 Volvo XC40
News5 ore ago

Volvo: entro l’anno 2026 ci saranno sei nuovi modelli

Il brand Volvo si prepara all’anno decisivo il 2026 dove impatterà con il mercato con altri sei nuovissimi modelli. Il...

Peugeot 208 Peugeot 208
News6 ore ago

Mercato europeo, auto: la nuova leader è la Peugeot 208

Finisce il regno nel mercato europeo dell’auto della Volkswagen Golf dopo ben 14 anni, ora domina la Peugeot 208. Il...

Frédéric Vasseur Frédéric Vasseur
Sport7 ore ago

Frédéric Vasseur è “convinto” delle potenzialità della Ferrari

Il nuovo Team Principal alla Ferrari non è scoraggiato dai problemi affrontati dai suoi predecessori. Frédéric Vasseur è “convinto” del...

F1 Gran Premio di Abu Dhabi 2022 F1 Gran Premio di Abu Dhabi 2022
Sport7 ore ago

F1: la FIA ha aperto ufficialmente il processo di candidatura per i nuovi team

Il primo passo ufficiale per portare nuovi team sulla griglia di F1 inizia, a FIA ha avviato formalmente il processo...

auto elettrica, ricarica auto elettrica, ricarica
News8 ore ago

Mercato auto europeo 2022: un quarto è “alla spina”

Il mercato automobilistico europeo del 2022 ha raccontato l’ascesa delle auto “alla spina”, con una quota del 22,93 per cento....

mal d'auto bambini mal d'auto bambini
Guide9 ore ago

Mal d’auto: i rimedi per bambini e adulti

Il mal d’auto può essere fastidioso sia per i bambini che per gli adulti, esistono però diversi rimedi che possono...

concessionaria auto concessionaria auto
News9 ore ago

Mercato italiano auto gennaio 2023: le vendite schizzano alle stelle

Il mercato italiano dell’auto ha chiuso il mese di gennaio con una crescita di quasi il 19 per cento rispetto...

Nissan Max-Out Nissan Max-Out
News10 ore ago

Nissan Max-Out: la spider fantascientifica

In occasione dei Nissan Futures è stato presentato l’avveniristico concept Max-Out, una cabrio a due posti orientata al domani. Febbraio...

Volkswagen Golf 8 Volkswagen Golf 8
News11 ore ago

Volkswagen Golf: facelift confermato, ma l’addio è vicino

Il facelift dell’ottava generazione di Volkswagen Golf è stato confermato, ma l’addio all’auto che tutti conosciamo è vicino. Gli anni...

Advertisement
Advertisement
nl pixel