Seguici su

News

Ford: un’alleanza sempre più stretta per fronteggiare crisi chip

Ford

La Ford stringe un accordo con GlobalFoundries, che le permetterà di avere un canale ancora più diretto ai semiconduttori.

Da alcuni mesi a questa parte i colossi automobilistici stanno ponderando varie opzioni per fronteggiare la crisi dei chip. Una delle soluzioni vagliate consiste nell’apertura di vie sempre più dirette con chi produce i semiconduttori. La prima Casa a intraprendere tale sentiero è la Ford, che ha sottoscritto un accordo specifico con una delle principali realtà del settore dei chip, la GlobalFoundries.

Si intensifica la collaborazione tra Case automobilistiche e le compagnie produttrici di semiconduttori

Le due società americane hanno, nella fattispecie, siglato un’intesa non vincolante per dare avvio a una partnership strategica sulla produzione di chip negli States e migliorare le forniture di semiconduttori sviluppati appositamente per le necessità dell’Ovale Blu. Il Costruttore di vetture compra già semiconduttori dalla GlobalFoundries, ma l’alleanza favorirà discussioni dirette sulla strada da perseguire per accelerare la produzione e gli approvvigionamenti.

Inoltre, il programma prevede il via ad attività di ricerca e sviluppo in sinergia, così da soddisfare la crescente domanda di microprocessori sempre più evoluti, tra cui iniziative per i sistemi ausiliari alla guida, di gestione delle reti di connessione e delle batterie.

La Ford e la GlobalFoundries hanno pure in serbo ulteriori occasioni per la fabbricazione di semiconduttori consoni ai bisogni dell’intero comparto automotive. Il piano, che non decreta in modo esplicito eventuali partecipazioni incrociate tra le due imprese, è ritenuto un primo step di una collaborazione destinata a crescere in futuro, che, in ogni caso, non comporterà l’impegno della Ford a realizzare internamente semiconduttori. Il proposito è, in buona sostanza, quello di incrementare le sue capacità progettuali, sulle orme della Tesla.

Le stesse politiche della Ford vengono applicate dalla General Motors. Determinata a ottimizzare i sistemi software e hardware e salvaguardare la rispettiva catena di approvvigionamento dei semiconduttori, la potenza di Detroit ha in mente di lanciare una strategia che abbatta di almeno il 95 per cento la varietà dei microprocessori adottati. I fornitori avranno l’incarico di adoperarsi su tre famiglie di chip progettate insieme alle ditte specializzate nei semiconduttori. A tal fine, la GM ha avviato operazioni con Infineon, Nxp, Onsemi, Qualcomm, Renesas, StMicroelectronics e Tsmc.


Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © - MM

Advertisement

Leggi Anche

Carburante Carburante
News8 ore ago

Caro carburanti: il governo proroga il taglio delle accise fino al 2 agosto

Nuovamente posticipata la scadenza dello sconto sulle accise entrato in vigore a marzo. Attraverso un decreto legge dei ministri Daniele...

Fabio Quartararo Fabio Quartararo
Sport9 ore ago

MotoGP, Quartararo: “Questa mattina potevo fare meglio”

Parla il leader del campionato di MotoGP, Fabio Quartararo dopo le FP2 del Gran Premio dell’Olanda ad Assen. Queste le...

Moto GP Moto GP
Sport10 ore ago

MotoGP, Gran Premio dell’Olanda: Bagnaia svetta nelle FP2

La Ducati vola come al solito nelle FP2 e prenota virtualmente la pole nel Gran Premio dell’Olanda MotoGP, ecco i...

Max Verstappen Max Verstappen
Sport10 ore ago

F1, Red Bull, Horner: “Non vogliamo un campionato deciso in tribunale”

Il team principal della Red Bull F1, Horner rivela come la metà dei team non rispetteranno il budget cap, servono...

Test Drive Test Drive
Guide11 ore ago

Quali sono le differenze tra sottosterzo e sovrasterzo

Quando parliamo di sottosterzo o sovrasterzo facciamo riferimento ad una perdita di aderenza che porta l’auto a sbandare. Ecco quali...

showroom auto showroom auto
News11 ore ago

Auto usate: la metà delle compravendite riguarda vetture più vecchie di 10 anni

Metà della compravendite delle auto usate ha riguardato vetture con oltre 10 anni d’età nel primo quadrimestre del 2022. Nel...

fiat fiat
News11 ore ago

Auto classiche: meno inquinanti delle elettriche per uno studio

Secondo lo studio di Footman James, fornitore di polizze assicurative, le auto classiche sono meno inquinanti delle vetture elettriche. Le...

stellantis stellantis
News11 ore ago

Stellantis: Vulcan Energy investirà nella filiera del litio

Vulcan Energy entrerà nel capitale d Stellantis con una partecipazione dell’otto percento. Diventerà il secondo azionista di maggioranza. Sono materie...

viritech viritech
News15 ore ago

Viritech Apricale: hypercar Fuel Cell marchiata Pininfarina

Durante la prossima edizione del Goodwood Festival of Speed, i visitatori troveranno in esposizione anche la Viritech Apricale Sarà prodotta...

alfa romeo alfa romeo
News15 ore ago

Alfa Romeo: i modelli sui quali il capo design si starebbe già adoperando

Il capo design di Alfa Romeo, Alejandro Mesonero-Romanos, avrebbe già iniziato a occuparsi di nuovi modelli, alcuni totalmente inediti. Alfa...

Carburante Carburante
News1 giorno ago

Caro carburanti, Giorgetti: “Misure al vaglio”

Il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, ammette che sono in corso delle discussioni per far fronte al caro carburanti....

traffico traffico
News1 giorno ago

Delega fiscale: le possibilità novità per gli automobilisti

La legge delega fiscale potrebbe portare delle importanti novità anche agli automobilisti, dalle accise al superbollo. L’attenzione è stata monopolizzata...

Advertisement
Advertisement