Seguici su

News

Auto elettriche: le sanzioni alla Russia potrebbero rallentarne la diffusione

Auto Elettricaauto elettrica rifornimento

I provvedimenti assunti dalle istituzioni comunitarie contro la Russia potrebbero rallentare la diffusione delle auto elettriche.

I provvedimenti sanzionatori a carico della Russia, per l’esattezza quelli contro l’export di nichel e altre materie prime, rischiano di rallentare la diffusione su vasta scala delle auto elettriche, comportando un rinvio nel piano di decarbonizzazione stabilito dall’Europa occidentale. 

Attraverso il report di Mining Commodity Analyzer, lancia l’allarme GlobalData, la società di analisi con sede a Londra che si avvale di 3 mila dipendenti distribuiti in diverse sedi sparse ovunque nel pianeta. Con oltre 200 mila tonnellate di prodotto finito, lo Stato di Vladimir Putin costituisce il terzo estrattore e raffinatore globale di nichel nel 2021.

Le conseguenze sulla diffusione delle auto elettriche

Poiché il nichel trova ricorso nella fabbricazione di batterie per auto elettriche, “qualsiasi sanzione applicata al nichel russo farà aumentare ulteriormente i prezzi di produzione dei veicoli elettrici – asserisce GlobalData – compromettendo l’adozione di questi veicoli e la decarbonizzazione”

Per l’analista Daniel Clarke “questioni geopolitiche come la situazione Russia-Ucraina disturbano il precario equilibrio delle catene di approvvigionamento dei metalli per batterie. Un prezzo alle stelle del nichel potrà avere ripercussioni importanti sulle ambizioni climatiche dei Paesi di tutto il mondo e alla fine ostacolerà l’adozione dei veicoli elettrici”

Tuttavia, le misure adottate dal mondo occidentale non andrebbero a colpire qualsiasi Paese. Difatti, favorirebbero la Cina, tuttora in ottimi rapporti con Mosca. “Per ridurre l’impatto delle sanzioni – spiega Clarke – la Russia sta già lavorando con l’Asia per far crescere l’export. Le Case cinesi costruttrici di batterie, e quindi quelle di veicoli elettrici potrebbero acquistare il nichel a prezzi inferiori. La Cina ha già una posizione di forza nella catena di approvvigionamento dei metalli per batterie e l’acquisto di nichel russo a buon mercato a seguito delle sanzioni rafforzerebbe ulteriormente la sua posizione competitiva a livello globale”

Affinché l’assenza del minerale russo sia compensata è possibile “che altre nazioni produttrici di nichel come l’Indonesia o le Filippine possano farsi avanti con le Case automobilistiche occidentali, ma ciò porterebbe a due conseguenze negative per le aziende – afferma l’analista tematica Lil Read -. In primo luogo, le aziende occidentali vedrebbero un aumento dell’impatto di CO2 delle loro catene di approvvigionamento, poiché questi due Paesi sono geograficamente più lontani e spesso si impegnano in pratiche non rispettose dell’ambiente. In secondo luogo, ciò comporterebbe un aumento della dipendenza dalla Cina per le società a valle, poiché sono le società cinesi svolgono un ruolo chiave nelle principali miniere di nichel in questi Paesi”


Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © - MM

Advertisement

Leggi Anche

michael schumacher michael schumacher
Sport2 ore ago

Barrichello: “Se ci fosse stata libertà, avrei potuto battere Schumi”

Rubens Barrichello crede che avrebbe potuto anche battere Michael Schumacher, se solo gliene avessero dato la possibilità. In Formula 1...

incidente stradale incidente stradale
News2 ore ago

Sicurezza stradale: europei troppo poco attenti al volante

La sicurezza stradale in Europa rimane deficitaria: gli europei sono ancora troppo facilmente preda di distrazioni a bordo della loro...

camion da cantiere camion da cantiere
News19 ore ago

Gli assurdi numeri del camion a idrogeno più grande del mondo

Anglo American, gigante del settore minerario, ha da poco presentato Il più grande camion a idrogeno del mondo: folli i...

Ferrari F1-75 2022 Ferrari F1-75 2022
Sport20 ore ago

Formula 1, GP Montecarlo: dove vederlo. Diretta e orari

La programmazione tv del GP di Montecarlo di Formula 1, previsto il prossimo fine settimana, dopo solo sette giorni da...

ragazza taxi ragazza taxi
News20 ore ago

Uber: storica partnership con in tassisti romani

La famosa piattaforma di trasporto Uber ha siglato un accordo con la storica cooperativa di taxi 3570 di Roma. Loreno...

auto guida visione notturna auto guida visione notturna
News1 giorno ago

Germania: nuovi strumenti per ridurre l’utilizzo degli smartphone alla guida

Per dissuadere i conducenti dall’utilizzo degli smartphone alla guida, la Germania ha implementato nuovi apparecchi tecnologici. Per contrastare la cattiva...

milano milano
News1 giorno ago

Milano Monza Motor Show 2022: tutti i dettagli

Si avvicina a passo spedito la seconda edizione del Milano Monza Motor Show: previste decine di marchi e una special...

Ferrari F1-75 2022 Ferrari F1-75 2022
Sport2 giorni ago

F1, Ferrari: problema per le power unit, non solo Leclerc

Dopo un inizio affidabile della Ferrari in F1, in questo Gran Premio di Spagna ci sono stati ben tre problemi...

Fabbrica Auto Fabbrica Auto
News2 giorni ago

Russia: rinasce uno storico produttore di auto

Una storica Casa automobilistica è sul punto di rinascere in Russia. A conferma delle voci, arriva ora la comunicazione ufficiale....

rally rally
News2 giorni ago

Subaru Impreza: sta tornando, si chiamerà Prodrive P25

Subaru Impreza tornerà in vita sotto il nome di Prodrive P25, una rivisitazione della famosissima auto da rally. Prodrive farà...

lancia lancia
News2 giorni ago

Lancia: futuro in arrivo, tre nuovi modelli per il 2028

Il marchio Lancia si concentrerà per realizzare tre nuovi modelli entro il 2028, torna quindi a vendere sul mercato Europeo...

Max Verstappen Max Verstappen
Sport2 giorni ago

F1, Red Bull, Verstappen: “Perez? poteva sicuramente vincere la gara”

Max Verstappen parla del compagno di squadra Perez che poteva vincere la gara ma per ordine della Red Bull F1...

Advertisement
Advertisement