Seguici su

News

Auto elettriche: le sanzioni alla Russia potrebbero rallentarne la diffusione

Auto Elettricaauto elettrica rifornimento

I provvedimenti assunti dalle istituzioni comunitarie contro la Russia potrebbero rallentare la diffusione delle auto elettriche.

I provvedimenti sanzionatori a carico della Russia, per l’esattezza quelli contro l’export di nichel e altre materie prime, rischiano di rallentare la diffusione su vasta scala delle auto elettriche, comportando un rinvio nel piano di decarbonizzazione stabilito dall’Europa occidentale. 

Attraverso il report di Mining Commodity Analyzer, lancia l’allarme GlobalData, la società di analisi con sede a Londra che si avvale di 3 mila dipendenti distribuiti in diverse sedi sparse ovunque nel pianeta. Con oltre 200 mila tonnellate di prodotto finito, lo Stato di Vladimir Putin costituisce il terzo estrattore e raffinatore globale di nichel nel 2021.

Le conseguenze sulla diffusione delle auto elettriche

Poiché il nichel trova ricorso nella fabbricazione di batterie per auto elettriche, “qualsiasi sanzione applicata al nichel russo farà aumentare ulteriormente i prezzi di produzione dei veicoli elettrici – asserisce GlobalData – compromettendo l’adozione di questi veicoli e la decarbonizzazione”

Per l’analista Daniel Clarke “questioni geopolitiche come la situazione Russia-Ucraina disturbano il precario equilibrio delle catene di approvvigionamento dei metalli per batterie. Un prezzo alle stelle del nichel potrà avere ripercussioni importanti sulle ambizioni climatiche dei Paesi di tutto il mondo e alla fine ostacolerà l’adozione dei veicoli elettrici”

Tuttavia, le misure adottate dal mondo occidentale non andrebbero a colpire qualsiasi Paese. Difatti, favorirebbero la Cina, tuttora in ottimi rapporti con Mosca. “Per ridurre l’impatto delle sanzioni – spiega Clarke – la Russia sta già lavorando con l’Asia per far crescere l’export. Le Case cinesi costruttrici di batterie, e quindi quelle di veicoli elettrici potrebbero acquistare il nichel a prezzi inferiori. La Cina ha già una posizione di forza nella catena di approvvigionamento dei metalli per batterie e l’acquisto di nichel russo a buon mercato a seguito delle sanzioni rafforzerebbe ulteriormente la sua posizione competitiva a livello globale”

Affinché l’assenza del minerale russo sia compensata è possibile “che altre nazioni produttrici di nichel come l’Indonesia o le Filippine possano farsi avanti con le Case automobilistiche occidentali, ma ciò porterebbe a due conseguenze negative per le aziende – afferma l’analista tematica Lil Read -. In primo luogo, le aziende occidentali vedrebbero un aumento dell’impatto di CO2 delle loro catene di approvvigionamento, poiché questi due Paesi sono geograficamente più lontani e spesso si impegnano in pratiche non rispettose dell’ambiente. In secondo luogo, ciò comporterebbe un aumento della dipendenza dalla Cina per le società a valle, poiché sono le società cinesi svolgono un ruolo chiave nelle principali miniere di nichel in questi Paesi”


Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © - MM

Advertisement

Leggi Anche

Lamborghini Huracan Sterrato Lamborghini Huracan Sterrato
News5 ore ago

Nuova Lamborghini Huracán Sterrato: 610 CV per andare oltre

Lamborghini Huracán Sterrato, la prima supersportiva progettata per offrire il massimo piacere di guida anche quando finisce l’asfalto. La Lamborghini...

Hyperion XP-1 Hyperion XP-1
News5 ore ago

Hyperion XP-1: la supercar a idrogeno da 2.000 cavalli

La start-up americana Hyperion ha mostrato al Motor Show di Los Angeles 2022 la sua supercar elettrica a idrogeno XP-1,...

Matteo Salvini Matteo Salvini
News19 ore ago

Salvini: “significa legarsi mani e piedi all’industria cinese”

Il ministro Salvini non ci sta sul divieto alle vendite delle endotermiche dal 2035, no anche alle normative Euro 7....

Volkswagen Group Volkswagen Group
News20 ore ago

Volkswagen: per il marchio Scout possibile collaborazione

Il progetto di riportare in vita il marchio Scout da parte di Volkswagen può passare dalla collaborazione con Foxconn. L’obiettivo...

Ferrari Purosangue Ferrari Purosangue
News20 ore ago

Ferrari Purosangue: chiuse le ordinazioni per il SUV

La Ferrari chiude le prenotazioni per il suo nuovissimo SUV Purossangue, troppi ordini che dureranno almeno due anni. La Ferrari...

Porsche Cayenne, resto-mod Porsche Cayenne, resto-mod
News21 ore ago

Porsche: svelati 8 Cayenne restomod per celebrare i 20 anni

Sono stati svelati 8 Cayenne restomod della Porsche per celebrare i vent’anni dalla prima generazione di questo modello. Per omaggiare...

area di servizio, autostrada area di servizio, autostrada
News1 giorno ago

Autostrade: dal 13 al 16 dicembre sciopero aree di servizio

Per 72 ore consecutive resteranno chiuse le aree di servizio sulle autostrade italiane, con grandi disagi per gli utenti della...

De Tomaso P900 De Tomaso P900
News1 giorno ago

De Tomaso P900: l’hypercar “green”, 18 esemplari alimentati a carburante sintetico

Il brand ora anglo-americano-tedesco ha presentato la sua nuova vettura: un hypercar “green” che potrà essere utilizzata solo in pista...

Audi RS 7 Sportback performance, Audi RS 6 Avant performance Audi RS 7 Sportback performance, Audi RS 6 Avant performance
News1 giorno ago

Audi RS 6 e RS 7: più potenti e veloci con il performance pack

In Audi performance significa maggiore potenza, per RS 6 Avant e RS 7 Sportback arriva la versione performance che porta...

Mattia Binotto Mattia Binotto
Sport1 giorno ago

F1, Ferrari: Mattia Binotto si è dimesso

Il Team Principal della Scuderia Ferrari si dimette dal suo incarico, e lascerà la sua carica il 31 dicembre 2022....

parcheggio auto cofani parcheggio auto cofani
News2 giorni ago

Auto usate mercato: in leggera flessione negli ultimi mesi

Il mercato delle auto usate va in calo negli ultimi nove mesi, la flessione è di circa 11,1 %. Vediamo...

Polestar 3, dettaglio posteriore Polestar 3, dettaglio posteriore
News2 giorni ago

Polestar: grande investimento per incrementare la produzione

Il marchio controllato da Volvo, la Polestar è pronta ad un grandissimo investimento per aumentare la produzione. La Polestar, marchio...

Advertisement
Advertisement