Seguici su

Guide

Controlli auto: ecco come fare manutenzione da soli

meccanico a casa

Manutenzione fai-da-te: come prendersi cura della propria auto con semplici passaggi e risparmiare in officina.

La manutenzione dell’auto è fondamentale per garantire un funzionamento ottimale e una maggiore durata nel tempo. Inoltre, eseguire controlli regolari può aiutare a prevenire problemi più gravi e costosi in futuro. E mentre molte persone scelgono di rivolgersi a un meccanico professionista per questi lavori, ci sono molte operazioni di base che possono essere fatte autonomamente con un po’ di impegno e attenzione. Ecco una guida su come fare manutenzione auto da soli.

Controllo livello olio motore

Nei motori moderni, l’assorbimento di olio è spesso minimo, pertanto, se non ci sono complicazioni, di solito non c’è bisogno di integrare l’olio tra una sostituzione e l’altra. Tuttavia, è ancora consigliabile controllare regolarmente la quantità di olio ogni 1.000-2.000 km. Chiaramente, questo controllo diventa superfluo se l’auto è dotata di un indicatore del livello di olio nel cruscotto.

È fondamentale tenere d’occhio il livello di olio soprattutto nelle prime fasi di utilizzo del motore, poiché un non perfetto adattamento tra cilindri e pistoni potrebbe portare a un consumo d’olio leggermente superiore, in particolar modo nei motori a gasolio.

Per un controllo accurato, assicurarsi che l’auto sia su una superficie piana e attendere circa 5 minuti dopo aver spento un motore che ha raggiunto la sua temperatura di funzionamento. Prima di procedere, pulire la bacchetta di misurazione. L’olio dovrebbe trovarsi tra il segno minimo e massimo, con la differenza tra i due di solito equivalente a un litro. È essenziale non sovraccaricare di olio: se il livello supera il segno massimo, ci sono rischi per il motore, il turbocompressore e il catalizzatore.

controllare livello olio auto

Con le auto diesel attuali dotate di filtro antiparticolato, bisogna essere cauti: la quantità di olio potrebbe crescere, andando oltre il limite. Questo aumento può essere causato dal carburante utilizzato per pulire periodicamente il filtro, che può finire nella coppa dell’olio, riducendo l’efficienza dell’olio. Ecco perché è cruciale prestare attenzione agli avvisi del cruscotto, che suggeriscono quando è il momento di sostituire l’olio. Ignorando questi avvisi, il motore potrebbe deteriorarsi e, nel peggiore dei casi, se il livello diventa eccessivo, una miscela di olio e carburante potrebbe essere aspirata, causando il funzionamento incontrollato del motore, anche se si spegne. In tale scenario, è vitale fermarsi al lato della strada, frenare fortemente, mettere la marcia più alta e staccare la frizione per fermare il motore. Tale procedura non è fattibile con un cambio automatico.

Controllo livello liquido di raffreddamento

Quando controlli il livello dell’olio motore, è consigliabile verificare anche il livello del liquido di raffreddamento. Assicurati che l’auto sia su una superficie livellata e che il motore sia freddo. Il liquido dovrebbe raggiungere il segno sul serbatoio d’espansione di plastica. È normale che, quando il liquido è caldo, il suo livello ecceda questo segno di un paio di centimetri.

È importante non aprire il tappo del circuito se il motore è caldo, per evitare il rischio di bruciarsi con il vapore sotto pressione. Se è assolutamente necessario aprirlo, gira il tappo di mezzo giro con le mani protette da un panno per liberare lentamente la pressione; solo dopo questo, rimuovi completamente il tappo. Se devi aggiungere liquido e non hai l’antigelo appropriato, puoi usare acqua comune.

È consigliabile far ispezionare il liquido ogni due anni per assicurarsi che non sia eccessivamente diluito o vecchio. Se lo è, potrebbe non offrire la giusta protezione contro la corrosione e il gelo, mettendo a rischio il motore.

Segui sempre le raccomandazioni del manuale dell’auto per la sostituzione del liquido di raffreddamento. Questo lavoro dovrebbe essere fatto da un meccanico professionista per garantire che i residui siano smaltiti correttamente. È essenziale utilizzare il liquido appropriato, poiché esistono varietà diverse a seconda del tipo di motore.

Non farti confondere dalla dicitura “liquido permanente”. Ciò non significa che duri per sempre, ma solo che è adatto per tutte le stagioni. In passato, durante l’inverno, era necessario svuotare e ricaricare il circuito con un particolare liquido antigelo.

Controllo liquido freni

Il liquido usato nell’impianto frenante non è un olio, come spesso si crede, ma un composto specifico. Un indicatore luminoso sul cruscotto segnala se il livello di questo liquido è basso; tuttavia, è possibile controllare anche attraverso il piccolo contenitore trasparente situato nel comparto motore. È infrequente dover aggiungere del liquido: una riduzione graduale del suo livello è dovuta all’usura delle pastiglie ed è completamente normale.

Rabbocco olio auto

Se si nota una diminuzione rapida, potrebbe indicare una perdita che deve essere prontamente risolta. Se il liquido dovesse scendere al di sotto del livello di sicurezza, la funzionalità dei freni potrebbe essere seriamente a rischio.

È fondamentale cambiare il liquido freni in officina a intervalli stabiliti (solitamente ogni due anni). Ignorare questa manutenzione potrebbe portare a un malfunzionamento dei freni durante lunghe discese, dovuto al decremento del punto di ebollizione del composto.

Controllo liquido lavavetri

Durante i mesi invernali, è cruciale avere un sistema lavavetro funzionante per garantire una buona visibilità e, di conseguenza, sicurezza. Bisogna assicurarsi di riempire il serbatoio (o i serbatoi) con un liquido apposito, disponibile in negozi di ricambi, supermercati o grandi magazzini. Evitare l’uso di sostanze alternative che potrebbero essere dannose o congelarsi, rendendo inutilizzabili gli spruzzatori nei momenti di maggiore necessità.

Fate attenzione a non sbagliare serbatoio, poiché si potrebbe versare il liquido sbagliato, come quello per il sistema di raffreddamento, nel lavavetro o viceversa.

Per regolamentare la direzione degli ugelli, è possibile fare dei test usando uno spillo inserito nell’apertura degli spruzzatori.

Controllo carica batteria auto

Le batterie moderne richiedono una manutenzione minima: di solito sono ermetiche, quindi bisogna assicurarsi che le connessioni siano ben fissate e prive di ossidazione.

Per quelle che possono essere esaminate, è buona norma controllare periodicamente il livello e, se necessario, aggiungere esclusivamente acqua distillata fino al segno di riferimento presente sulla batteria o all’interno degli orifizi di riempimento, evitando l’uso di acidi.

È importante mantenere pulita e asciutta la superficie della batteria e assicurarsi che le staffe di ancoraggio siano ben salde, ma senza stringere eccessivamente.

test batteria carica auto

Per determinare la carica della batteria, si può utilizzare un voltmetro digitale, assicurandosi che l’auto sia stata ferma per almeno un’ora e che tutti gli accessori e le luci siano spenti. Dopo aver impostato il voltmetro sulla giusta scala (tipicamente 20 Volt) e toccando i poli della batteria con le sonde, è possibile leggere la tensione mostrata. Un valore superiore a 12,5 volt indica una carica completa, mentre se scende a 12,2 volt o meno, la ricarica diventa necessaria. Per ricaricare la batteria, è consigliabile usare un caricabatteria avanzato che può monitorare tensione e corrente, evitando sovraccarichi e potenziali danni all’impianto elettrico o alle unità di controllo della vettura.

Controllo pressione pneumatici

È essenziale verificare regolarmente la pressione delle gomme, almeno ogni quindici giorni, inclusa quella della ruota di riserva.

Una pressione non adeguata porta a un incremento nel consumo di benzina, compromette la stabilità del veicolo e, col tempo, può causare un’usura irregolare del pneumatico e mettere a rischio la sua integrità.

test pressione pneumatici

È consigliabile controllare la pressione quando le gomme sono fredde, per avere una misura accurata e non sovrastimata.

Evitate di ridurre la pressione se, misurando con le gomme calde, questa appare superiore al consigliato.

È fondamentale regolare la pressione in base al peso trasportato dalla macchina, seguendo le direttive fornite dal manuale del veicolo. Tendenzialmente, è preferibile una pressione leggermente sopra il minimo suggerito piuttosto che sotto.

Se notate un calo inusuale nella pressione, controllate che il pneumatico non contenga oggetti estranei e che la valvola funzioni correttamente.

Controllo filtro gasolio

Il filtro per il diesel ha due compiti principali: fermare le impurità presenti nel carburante e separare eventuali tracce d’acqua e altre sostanze inquinanti.

La presenza d’acqua nel diesel può danneggiare gravemente il sistema di iniezione, causando disfunzioni costose per la pompa e gli iniettori.

È fondamentale controllare il filtro periodicamente per effettuare uno svuotamento preventivo.

Nel corso degli anni, la tecnologia dei filtri diesel è evoluta: da modelli base realizzati in carta a sistemi avanzati realizzati con materiali sintetici, progettati per fermare prima le particelle di dimensioni maggiori e successivamente quelle più piccole.

filtro carburante

Questa evoluzione è stata necessaria con l’introduzione dei sistemi di iniezione common rail, che hanno un flusso di carburante superiore rispetto ai sistemi più vecchi. Con queste nuove esigenze, i vecchi filtri non erano più sufficienti. Alla fine del XX secolo, si introdussero filtri con una maggiore capacità di separare l’acqua. Ma con l’aggiunta obbligatoria di biodiesel al diesel, la situazione è diventata più complessa. Il biodiesel tende a solidificarsi a temperature diverse rispetto al diesel normale e porta con sé sfide aggiuntive. Ha la capacità di assorbire acqua e può influenzare negativamente la durata e la funzionalità dei filtri.

Inoltre, la pressione maggiore fornita dalle moderne pompe elettriche rende l’acqua ancora più dispersa, complicando ulteriormente la sua separazione. Tuttavia, le impurità tendono a depositarsi nella parte inferiore del filtro, dove possono essere drenate. Esiste un sensore che indica quando è il momento di svuotare il filtro. Ma se questo passaggio viene ignorato o se il sensore non è presente, l’acqua può accumularsi nel filtro, causando ulteriori problemi.


Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © - MM

Advertisement
Advertisement

Leggi Anche

BMW M2 BMW M2
News6 ore ago

BMW M2: nuova versione da 480 CV

La nuova BMW M2 con 480 CV, aggiornamenti estetici e tecnologici. Produzione a partire da agosto e dettagli su prestazioni....

Alpine A290 Alpine A290
News6 ore ago

Alpine A290: la nuova citycar sportiva elettrica

Alpine A290, la citycar sportiva che segna l’inizio della nuova era elettrica del marchio. Design accattivante e prestazioni eccezionali. Alpine,...

mezzi pubblici mezzi pubblici
News1 giorno ago

Italia: troppo amore per le auto e pochi mezzi pubblici

Perché l’Italia è ai primi posti per il numero di auto ma fatica a sviluppare una rete efficiente di trasporti...

cina import export cina import export
News1 giorno ago

Commissione Europea impone dazi sulle auto cinesi

La Commissione Europea introduce nuovi dazi sulle auto elettriche cinesi, con tariffe aggiuntive dal 17% al 38%. La Commissione Europea...

Formula E, logo Formula E, logo
Sport1 giorno ago

Formula E, calendario 2025: Italia fuori dal Mondiale

Esclusione shock dell’Italia dal calendario ufficiale della Formula E della prossima stagione. Ecco cosa c’è dietro questa decisione? L’annuncio ufficiale...

24 Ore di Le Mans 2024 24 Ore di Le Mans 2024
Sport1 giorno ago

24 Ore di Le Mans 2024: orari e dove vederla in diretta e streaming

La 24 Ore di Le Mans 2024 promette emozioni forti il 15 e 16 giugno, ecco gli orari e i...

ricarica auto elettrica ricarica auto elettrica
News2 giorni ago

Elezioni Europee 2024: ecco cosa accadrà al Green Deal dopo l’ascesa della destra

Le elezioni europee del 2024 segnano una svolta politica con l’ascesa della destra. Come questo cambiamento cambia il Green Deal....

volvo volvo
News2 giorni ago

Volvo aumenta la produzione in Belgio per evitare i dazi sulle importazioni cinesi

Come Volvo sta potenziando la produzione di veicoli elettrici in Belgio per evitare i dazi sulle importazioni dalla Cina. Volvo,...

Ferrari 12Cilindri Ferrari 12Cilindri
News2 giorni ago

Ferrari non abbandonerà il motore V12

Ferrari si impegna a mantenere in vita il suo iconico V12 nonostante le normative future, puntando su carburanti sostenibili e...

pompa benzina auto pompa benzina auto
News3 giorni ago

Prezzi benzina e diesel in aumento, +40 centesimi: tutto sulla nuova Ets

Dal 2027, la nuova tassa Ets dell’Unione Europea potrebbe far aumentare i prezzi di benzina e diesel fino a 40...

Giannini Spettacolo Giannini Spettacolo
News3 giorni ago

Giannini Spettacolo: Fiat 500 da 280 km/h e 250 CV

Giannini Spettacolo: una Fiat 500 modificata con 250 CV, velocità massima di 280 km/h e un’accelerazione da 0 a 100...

Fiat 500 Hybrid Fiat 500 Hybrid
News4 giorni ago

Fiat 500 Hybrid: il nuovo modello arriverà tra la fine del 2025 e l’inizio del 2026

La nuova Fiat 500 ibrida arriverà entro il 2026 con un motore tre cilindri made in Italy e un design...

Advertisement
Advertisement
nl pixel