Seguici su

News

Russia Ucraina: prezzi per energia e materie prime schizzerebbero in caso di guerra

carroarmato

Le conseguenze di una eventuale guerre tra Russia e Ucraina sarebbero catastrofiche in termini economici: le stime di Assolombarda.

Il 2022 è iniziato sotto pessime avvisaglie. E potrebbe proseguire ben peggio, se la crisi in atto tra Russia e Ucraina condurrà a una vera e propria guerra nei prossimi giorni. Sono sufficienti pochi dati, diffusi dal Centro studi di Assolombarda, emanazione della Confindustria, per rendersi conto della gravità della situazione. In gennaio, l’indice delle quotazioni delle materie prime non energetiche è andato avanti a salire, attestandosi su un livello di oltre il 45 per cento a quello precedente lo scoppio della pandemia.

Per quanto attiene all’arcinoto problema dei semiconduttori, non c’è solo una questione di scarsità, bensì pure di costi. I cosiddetti microchip, per esempio, hanno fatto registrare nel mese di novembre una crescita dei loro prezzi pari al 390 per cento rispetto allo stesso mese del 2019.

Il quadro è aggravato dall’impennata del costo energetico. Nel Vecchio Continente, il gas naturale ha registrato un’impressionante escalation di costi, oggi pari al 660 per cento in più rispetto ai valori pre-Covid; il petrolio è, intanto, salito del 31 per cento, attestandosi a poco più di 90 dollari al barile (per il Brent), ma con tendenza al rialzo. La criticità è data dalle ripercussioni sul prezzo della bolletta energetica nazionale.

A tal proposito, il presidente dell’Assolombarda, Alessandro Spada, prevede per il 2022 un conto quadruplicato, pari cioè a 8,3 miliardi di euro, contro i due del 2019. Inoltre, la carenza delle materie prime metterebbe in ginocchio le imprese, a causa anche della mancanza dei materiali e dei componenti necessari.

Si profilerebbe un disastro

Partendo da una situazione dei contorni già tanto difficili, qualora la Russia dovesse dare realmente il via a un attacco e a un’invasione dell’Ucraina, si profilerebbe un disastro. Difatti, dalla Russia dipende il 40 per cento dei consumi europei di gas e l’Italia rischierebbe di restare senza 80 milioni di metri cubi di gas, pari quasi a un quarto del consumo medio giornaliero, andando a vanificare il calo della richiesta (dunque, dei prezzi) di norma registrato in primavera-estate.

Nel frattempo, il prezzo del petrolio schizzerebbe oltre i 100 dollari al barile, e i trasporti, con aerei e navi costretti a intraprendere nuove rotte per evitare i rischi connessi a uno scenario bellico. In definitiva, una catastrofe per l’economia planetaria, che si sommerebbe ai danni già provocati dal Coronavirus. E alle sofferenze in termini di vite umane associate a qualsiasi guerra.


Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © - MM

Advertisement

Leggi Anche

News14 ore ago

Russia provoca sul petrolio: gli Stati Uniti preparano la risposta

La Russia irride il mondo occidentale per la mancanza di una linea comune sul petrolio, ma gli USA preparano a...

Valentino Rossi Valentino Rossi
News14 ore ago

Valentino Rossi nel metamerie: nasce VR46 Metaverse

Valentino Rossi entra nel metatarso con la costituzione della joint venture VR46 con la media holding italiana The Hundred. Il...

Circuito Circuito
Sport15 ore ago

Formula 1: il Gran Premio di Russia non verrà sostituito

È ufficiale, il Gran Premio di Sochi in Russia che è stato cancellato a seguito dell’invasione in Ucraina non verrà...

navigatore, mappe navigatore, mappe
News16 ore ago

Google Maps: presenta la funzione Immersive View

La nuova funzione di Google utilizzerà le immagini satellitari registrate dalla stessa azienda e le immagini di Street View per...

aquaplaning aquaplaning
Guide18 ore ago

Che cos’è il fenomeno dell’aquaplaning e come prevenirlo

L’aquaplaning si può verificare in qualsiasi momento se si è in presenza di strade bagnate e condizioni atmosferiche avverse. Questo...

concessionaria auto clienti concessionaria auto clienti
News20 ore ago

Acquisto auto: gli italiani hanno cambiato abitudini nella scelta del modello

Gli italiani hanno cambiato preferenze per quanto riguarda l’acquisto di una nuova auto, a cominciare dalla scelta del modello. I...

lucidare fari auto lucidare fari auto
Guide20 ore ago

Come lucidare i fari della macchina

L’usura dei fari, che nel tempo tendono a rovinarsi, è un problema comune di molte auto soprattutto le più datate,...

showroom auto showroom auto
News21 ore ago

Mercato auto Europa: si aggrava la crisi ad aprile

Peggiora la crisi del mercato auto europeo nel mese di aprile. Tra i principali mercati la flessione peggiore è proprio...

batterie elettriche batterie elettriche
News1 giorno ago

Riciclo batterie: entra in funzione l’impianto più grande d’Europa

In Norvegia è entrato in funzione l’impianto più grande del Vecchio Continente specializzato nel riciclo delle batterie. Con lo sviluppo...

Sebastian Vettel, Aston Martin Sebastian Vettel, Aston Martin
Sport2 giorni ago

F1, Surer: “Vettel? arriverà a fine contratto per poi dire addio”

Marc Surer crede che Vettel alla fine di quest’anno dirà addio alla F1, queste le parole dell’ex pilota ora settantenne....

Audi Audi
News2 giorni ago

Mercato auto: crisi Audi, interrotta la produzione di alcuni modelli

Audi in difficoltà per la crisi dei semiconduttori e della difficoltà di reperire batterie per la guerra in Ucraina. Il...

Ford Ford
News2 giorni ago

Ford: petizione per bandire i motori a combustione in Europa

Assieme ad altre grandi aziende, la divisione europea della Ford ha sottoscritto una petizione per bandire i motori a scoppio...

Advertisement
Advertisement