Seguici su

News

Audi, Bentley e Porsche bloccate negli USA: componenti cinesi prodotti con lavoro forzato?

Volkswagen Group

Volkswagen ha bloccato le consegne di migliaia di modelli negli USA, per un componente prodotto in Cina in violazione delle leggi statunitensi contro lo schiavismo.

Migliaia di vetture dei marchi Audi, Bentley e Porsche risultano bloccate nei porti degli Stati Uniti. Secondo il Financial Times, la causa sarebbe legata alla scoperta al loro interno di “componentistica prodotta in Cina in violazione delle leggi statunitensi contro lo schiavismo”. Il gruppo Volkswagen, a cui fanno capo i tre marchi, avrebbe individuato una componente sospetta all’interno di un’unità di controllo. La scoperta è avvenuta a metà gennaio e ha portato al blocco delle consegne delle vetture per tutti i mesi di febbraio e marzo. Si stima che siano coinvolte almeno mille Porsche, alcune centinaia di Bentley e diverse migliaia di Audi.

Cosa succede nello Xinjiang?

Il componente incriminato sarebbe stato prodotto in una fabbrica della Cina occidentale, molto probabilmente nello Xinjiang. La regione autonoma è finita più volte nelle cronache internazionali per gli abusi condotti dalle autorità di Pechino ai danni della minoranza etnica uigura. La stessa Volkswagen è stata accusata di violazione dei diritti umani in una fabbrica gestita con la Saic a Urumqi, capoluogo dello Xinjiang.

Gli Stati Uniti hanno leggi specifiche che proibiscono l’importazione di prodotti frutto del lavoro forzato. Il Uyghur Forced Labor Prevention Act, approvato nel 2020, vieta l’importazione di beni provenienti dallo Xinjiang a meno che le aziende non dimostrino che non sono stati realizzati con lavoro forzato.

Volkswagen avvia le indagini

Volkswagen ha risposto alle accuse del Financial Times sottolineando di “prendere molto sul serio le accuse di violazioni dei diritti umani”. L’azienda ha avviato un’indagine e ha dichiarato che “chiarirà i fatti e poi adotterà le misure appropriate”. Tra queste, la possibile chiusura di tutti i legami contrattuali con il fornitore in caso di conferma di “gravi violazioni”. La vicenda ha sollevato nuove preoccupazioni sulle violazioni dei diritti umani in Cina e sulla complicità delle aziende occidentali. La Volkswagen non è l’unica azienda ad essere stata accusata di utilizzare lavoro forzato nella sua catena di approvvigionamento.

Cosa succederà ora? Le indagini di Volkswagen sono in corso e l’azienda dovrà decidere se continuare a lavorare con il fornitore cinese. Le autorità americane stanno monitorando la situazione e potrebbero decidere di imporre sanzioni al Gruppo Volkswagen.


Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram
Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

Riproduzione riservata © - MM

Advertisement
Advertisement

Leggi Anche

Ponte Stretto di Messina, progetto preliminare Ponte Stretto di Messina, progetto preliminare
News18 ore ago

Ponte sullo Stretto di Messina: progetto avanti nonostante le sfide

Matteo Salvini conferma l’inizio dei lavori per il Ponte sullo Stretto di Messina nell’estate 2024 per oltre 13 miliardi. Il...

Alfa Romeo Junior Speciale Alfa Romeo Junior Speciale
News19 ore ago

Alfa Romeo Junior Speciale: dettagli e prezzi delle nuove motorizzazioni

Tutte le caratteristiche, le dotazioni di serie e gli optional disponibili per la nuova Alfa Romeo Junior Speciale. Alfa Romeo...

Nissan Qashqai Nissan Qashqai
News2 giorni ago

Nissan Qashqai, restyling 2024: ecco come cambia

Il nuovo volto della Nissan Qashqai 2024: un restyling estetico audace, innovazioni tecnologiche e motorizzazioni all’avanguardia. La Nissan Qashqai si...

F1 Gran Premio del Bahrain 2024 F1 Gran Premio del Bahrain 2024
Sport2 giorni ago

F1, Gran Premio di Cina 2024: orari e dove vederlo in diretta e streaming

La Formula 1 torna a Shanghai dopo cinque anni, ecco gli orari e i canali dove seguire il Gran Premio...

Maserati GranCabrio Folgore Maserati GranCabrio Folgore
News3 giorni ago

GranCabrio Folgore: rivoluzione elettrica Maserati con tetto apribile

Maserati lancia la sua prima cabriolet elettrica, unendo lusso e prestazioni sportive nel nuovo modello GranCabrio Folgore. Maserati fa il...

Telepass casello autostradale Telepass casello autostradale
News3 giorni ago

Telepass rinnova i piani tariffari: le nuove offerte dal primo luglio

Nuovi piani tariffari di Telepass validi dal 1° luglio 2024: dettagli su Base, Plus, Pay per Use e le anticipazioni...

Alfa Romeo Milano Alfa Romeo Milano
News3 giorni ago

Alfa Romeo, clamoroso: la Milano cambia nome si chiamerà Junior

L’Alfa Romeo Milano cambia nome e diventa Alfa Romeo Junior. Mossa decisa dopo la polemica innescata dal ministro delle Imprese...

MHERO 1 MHERO 1
News4 giorni ago

Mhero 1: ecco l’Hummer cinese che rivoluziona il concetto di off-road elettrico

Mhero 1, il SUV cinese elettrico con prestazioni da primato e un design rivoluzionario. Un’esperienza off-road senza compromessi. L’Mhero 1...

Mercedes-Benz Group AG, sede Stoccarda Mercedes-Benz Group AG, sede Stoccarda
News4 giorni ago

Mercedes-Benz: segnala violazione dati clienti a seguito di attacco hacker

Come Mercedes-Benz Italia sta rispondendo alla violazione dei dati personali dei clienti causata da un attacco hacker. La Mercedes-Benz, tramite...

MotoGP Austin 2024 MotoGP Austin 2024
Sport5 giorni ago

MotoGP, Gran Premio delle Americhe: vittoria strepitosa di Viñales

Viñales si impone in una gara mozzafiato al GP delle Americhe, risalendo dall’11° posto alla vittoria. Acosta e Bastianini completano...

Carlos Tavares Carlos Tavares
News5 giorni ago

Stellantis preannuncia il ritorno di Alfa Romeo e Lancia nel motorsport

Carlos Tavares conferma il ritorno delle icone italiane Alfa Romeo e Lancia nel mondo delle corse: la strategia di Stellantis....

Formula E, logo Formula E, logo
Sport5 giorni ago

Formula E: Pascal Wehrlein vince gara-2 dell’e-Prix di Misano

Formula E, e-Prix di Misano, disastro per Rowland all’ultimo giro: la sua Nissan si Ferma e Lascia Spazio alla Porsche...

Advertisement
Advertisement
nl pixel